Fiera della Parola

Parole per Spiegare Tutto

Come Montare un Box Doccia con Apertura Frontale con Lato Fisso

Chi vuol acquistare un box con un apertura frontale deve tener presente di numerosi fattori. Non solo la misura del piatto ma anche il tipo di porta, soprattutto in relazione allo spazio del proprio bagno. La scelta del box dev’essere effettuata in primo luogo tenendo presente di questi fattori, poi, si può guardare anche all’aspetto estetico. Infine, si passerà alla fase di montaggio dove verranno sottolineati importanti accorgimenti.

Prima di comprare un box si devono prendere bene le misure del piatto. Quest’ultimi quando vengono posati, possono essere incassati nel muro. Quindi, è importante prendere la misura dopo il montaggio del piatto. Se ad esempio si compra un piatto 70×70 cm e si incassa nel muro di 2cm, la misura del piatto sarà 68×68. La misura va presa su entrambi i lati, da dove inizia il muro fino all’angolo del box doccia.
I box hanno un estensibilità. Per esempio se avete un piatto che misura 75 x 75, difficilmente nei negozi troverete delle porte box doccia e dei lati fissi con misure così precise. Se avessi un piatto 75 x 75, la mia scelta cadrà sulla porta e sul lato fisso estensibile da 72 a 77.

Le tipologie di porte frontali sono:
Il pieghevole o soffietto, caratterizzate da una chiusura a libro. Garantiscono molto spazio di entrata ed è adatto per le misure piccole come il 70 cm. Lo scorrevole, che può essere a due ante o a tre ante.
Sconsigliato per le misure piccole, perché lo spazio di entrata sarebbe molto ridotto. Adatto per le misure molto grosse, dai 90 cm in su. Girevole/battente ad 1 anta. Apertura ad un anta verso l’esterno. Garantiscono molto spazio di entrata ma ingombrano verso l’esterno. Sconsigliato quindi per i bagni piccoli.
Apertura Battente a 2 ante – vale lo stesso discorso per l’apertura Girevole/battente ad 1 anta.

Il Montaggio
Si posizionano i profili a “C” sul muro in corrispondenza dell’estremità del piatto doccia e si segna sul muro i punti per il fissaggio, come indicato dalle strisce rosse della figura sottostante. Si consiglia di usare una livella. Si deve poi forare il muro in corrispondenza dei punti segnati, riappoggiare il profilo e fissarlo con le viti.
Si incastra poi la parete fissa/porta box nel profilo. E’ qui che sfrutto la regolabilità dei box. Se ho una porta estensile da 68 a 72 ed il mio piatto è da 68 x 68, la parte di congiunzione della porta entrerà completamente nel profilo regolandolo quindi sul 68. Se avessi voluto regolarlo sul 70 non avrei inserito completamente la parte di congiunzione ne profilo a C.
Una volta decisa la regolabilità, forare il profilo a C con la parte di congiunzione in corrispondenza ed applicare le viti per fissare così il box doccia.
Posare poi il giunto d’angolo fatto ad L che serve per unire il lato fisso e la porta box. Infine mettere il silicone nei punti di contatto dei bordi del box con la parete/piatto. Si consiglia esternamente in modo tale che l’acqua non vada a finirci sopra rendendolo col tempo scuro.